ryder a Milano
L’aggiudicazione della Ryder Cup 2022 è stato un trionfo storico per il golf e per tutto lo sport italiano. Ma va considerato come il punto di partenza di una nuova era per il movimento golfistico nazionale. Perché apre nuovi orizzonti e opportunità che sarebbe un errore lasciarsi sfuggire. Di questo e di tanto altro si è parlato oggi durante gli “Stati generali del golf”, organizzati dalla Federazione Italiana Golf (FIG) all’hotel Principe di Savoia di Milano.
Oltre al presidente di CONI Servizi e della FIG, Franco Chimenti, erano presenti i vicepresidenti Antonio BozziPaolo Casati, il Segretario Generale Stefano MancaLavinia Biagiotti, vicepresidente del Marco Simone Golf & Country Club, percorso ufficiale della Ryder Cup 2022, e Paolo D’Alessio, Commissario straordinario dell’Istituto per il Credito Sportivo. L’incontro è stato moderato da Chiara Geronzi, responsabile della comunicazione FIG.
Il golf italiano ha risposto con una grande partecipazione. In platea, i consiglieri federali, i rappresentanti sul territorio, i presidenti dei circoli, i giocatori professionisti e dilettanti.
“Il 16 dicembre 2015 – ha introdotto i lavori Chiara Geronzi – rimarrà una data indelebile nella storia del golf italiano. Questo grazie alla tenacia del presidente Franco Chimenti e a un team di giovani in gamba, ben preparati e in grado di poter raggiungere un risultato impensabile”.
Dopo una presentazione filmata, che ha riassunto alcuni momenti particolari nella corsa alla Ryder Cup 2022, il presidente Franco Chimenti ha fatto una esauriente cronistoria di come si sia arrivati all’assegnazione.
“In questo lungo percorso ho avuto il supporto di una Federazione straordinaria, di un Consiglio Federale altrettanto straordinario, di Lavinia Biagiotti e di tanti validissimi compagni in questa avventura che non dimenticherò mai. In particolare è stato determinante l’appoggio del presidente del CONI Giovanni Malagò.
L’idea è nata in occasione di un Open Championship di due anni addietro, quando l’allora CEO dell’European Tour George O’Grady mi sollecitò a proporre quale sede l’Italia. Così, insieme ai miei collaboratori, ho iniziato a lavorarci e ho reso pubblica l’idea in occasione della premiazione al Circolo Golf Torino dell’Open d’Italia 2014. Già da allora pensavo a Roma, perché ha una ricezione alberghiera enorme, adatta a tale evento e un fatto di primaria importanza, da unire al suo fascino, alle sue bellezze archeologiche, al suo clima magico, che sono stati dei punti sui quali abbiamo posto fortemente l’accento. Abbiamo preparato la nostra proposta avvalendoci di consulenti di prim’ordine curando tutto nei minimi dettagli sin dalla veste grafica con cui abbiamo presentato il nostro bid.
Abbiamo convolto il presidente del Consiglio Matteo Renzi e ben otto ministri, tutti firmatari del documento insieme a noi. Mai il golf aveva avuto tanta attenzione da parte delle istituzioni.
Poi sono iniziate le visite ispettive e siamo stati impeccabili nell’accoglienza. A pochi giorni dall’assegnazione ho fatto quella che ritengo la mossa decisiva offrendo a Keith Pelley, l’attuale CEO dello European Tour, una serie di Open nazionali con un montepremi di sette milioni di euro. Con l’appoggio del CONI e con l’intervento dell’Istituto per il Credito Sportivo, abbiamo dato le necessarie garanzie. Ed è stato il successo”.
Il presidente ha poi sottolineato come la Ryder Cup possa essere una grande viatico per lo sviluppo del golf nella penisola. “E’ una grande opportunità da interpretare e sfruttare al meglio  L’Italia è diventata una star mondiale del golf e ora abbiamo un Open d’Italia che, con il suo montepremi che dal 2017 sarà di sette milioni di euro, si allinea ai più grandi eventi internazionali”.
Infine Chimenti si è rivolto all’Assemblea: “Ora occorre fare una politica, con l’aiuto di voi che siete in sala e appoggiata dalla Federazione, che possa determinare un cambiamento definitivo. Abbiamo commissionato uno studio, elaborato da strutture qualificate e assolutamente attendibili, secondo il quale la Ryder Cup produrrà un importante numero di tesserati, insieme a un notevole incremento del turismo. Al contrario di quanto ha fatto la Francia, quando ha avuto la Ryder Cup 2018, non sarà apportato alcun aumento al costo della tessera federale”.
Lavinia Biagiotti ha detto: “Sono emozionata e commossa. Ho imparato dalla mia famiglia a lavorare con umiltà e determinazione e a fare grandi passi, perché con i piccoli non si va da nessuna parte e siamo arrivati a questo risultato eclatante. Gli inglesi dicono che per fare un grande circolo occorrono un terreno ampio e 50 anni. Il nostro, quando ospiterà la Ryder Cup, ne compirà 30”. Ha poi ringraziato il presidente Chimenti, il gruppo di lavoro e ha ricordato il padre scomparso, Gianni Cigna: “Ha avuto la visione di costruire un campo per gare internazionali e mi ha lasciato una targa di cui tengo gran conto e dove è scritto “it can be done”, si può fare”.
“Siamo entrati nella squadra -è intervenuto Paolo D’Alessio – all’ultimo momento. L’Istituto per il Credito Sportivo crede nello sviluppo golfistico italiano che deve crescere in prospettiva in maniera imperiosa. Abbiamo avuto sempre un’attenzione privilegiata per questo sport e ora abbiamo istituito il Fondo di Garanzia che permetterà di accedere ai finanziamenti in maniera ancor più agevolata”.
Il grande campione Costantino Rocca di Ryder Cup ne ha disputate tre: “Giocarla, per me, è stato un sogno e un onore. Ora noi possiamo vivere questa attesa pensando alla gioia immensa che ci darà quando verrà disputata”.
Infine è intervenuto il consigliere federale e coordinatore della candidatura Marco Durante: “Dobbiamo essere orgogliosi di avere un presidente come Franco Chimenti che, in questa impresa, è stato un grande condottiero. Siamo stati tutti all’altezza del compito, ma soprattutto siamo stati capaci di fare squadra. Ognuno di noi, che ha partecipato a questa iniziativa, ha portato un frammento importante di competitività italiana. Abbiamo portato l’Italia all’attenzione del mondo e ora la Ryder Cup deve essere l’occasione per ogni circolo e per ogni tesserato di portare avanti un discorso di crescita con lo stesso entusiasmo che abbiamo messo noi per arrivare al grande traguardo”.
(fonte Federgolf – fotografia di Marco Antinori)
News RYDER CUP

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.