Ricrei Fowler (nella foto), numero cinque del world ranking, a conferma del suo ottimo momento di forma, ha preso il comando con 132 colpi (-8), raddoppiando il 66 (-4) iniziale, e ha allungato la classifica dove è in seconda posizione con 133 (-7) Jimmy Walker; in terza con 134 (-6) lo spagnolo Sergio Garcia, in quarta con 135 (-5) l’australiano Adam Scott, l’altro giocatore che condivideva alla vigilia i maggiori consensi insieme al leader; al quinto posto con 136 (-4) si trovano Hudson Swafford e Blayne Barber.

E’ sceso in nona posizione, con 138 (-2), Michael Thompson che si trovava in vetta con Garcia dopo un turno, e ha fatto notizia l’uscita al taglio del nordirlandese Rory McIlroy, numero tre mondiale, 78° con 144 (+4) e fuori per un colpo. Accusano un ritardo già consistente il fijiano Vijay Singh, 14° con 139 (+1,)  il nordirlandese Graeme McDowell e l’inglese Ian Poulter, 20.i con 140 (par). Hanno lo stesso score di Molinari anche Jason Dufner e l’irlandese Padraig Harrington, campione uscente, e sono in bassa classifica l’inglese Luke Donald, 45° con 142 (+2), Phil Mickelson, i sudafricani Ernie Els e Retief Goosen e l’inglese Paul Casey, 62.i con 143 (+3) e rimasti in gara con l’ultimo punteggio utile. Hanno subito la stessa sorte di McIlroy anche Keegan Bradley, Zach Johnson e Patrick Reed, 92.i con 146 (+6). Si è ritirato il giapponese Hideki Matsuyama.

Rickie Fowler per il secondo giro consecutivo non ha segnato bogey e ha realizzato quattro birdie come nel primo. Ha fatto meglio Adam Scott con un eagle e tre birdie per il 65 (-5), che invece aveva iniziato in altalena con tre birdie e tre bogey per il 70 (par). Francesco Molinari, che alla conclusione del primo turno, avvenuta nella mattinata dopo che 14 giocatori erano stati fermati lungo il percorso per oscurità la sera precedente, era oltre la linea del taglio (76°), è partito dalla 10ª e ha accusato due bogey in cinque buche, mettendo a rischio la sua permanenza nel torneo. Prima del giro di boa un birdie ha annunciato il cambio di marcia, che poi ha prodotto altri tre birdie nel ritorno per il 68 (-2). Il montepremi è di 6.100.000 dollari con prima moneta di 1.098.000 dollari.

Per vedere l’Honda Classic, oggi (sabato 27) appuntamento su Sky dalle ore 21 alle ore 24.
Fonte Federgolf
News