Consegnata la seconda tranche del contributo di beneficenza che l’A.I.G.G. (Associazione Italiana Giornalisti Golfisti) ha raccolto nel corso delle sue gare del 2016. Questa volta, la somma è stata destinata  all’Associazione Onlus 7° Piano, impegnata nella raccolta fondi per la ricerca sui tumori dei bambini. Come sempre è stato fatto in passato, anche in questa occasione l’A.I.G.G. ha cercato di dare una mano a un’Associazione che si è voluto prima conoscere da vicino, in questo caso attraverso la persona di Filippo Carota, un collega del gruppo RCS da sempre in prima fila nell’attività di questa onlus.

Se siete arrivati a leggere fin qui, REGALATEVI ANCORA QUALCHE ISTANTE e scoprite perché è nata l’Associazione Onlus 7° Piano.

“Il 7° piano è quello dell’Istituto Nazionale dei Tumori, Pediatria. Ci siamo arrivati con Simone di giovedì. C’era già il suo nome scritto a pennarello su un cartoncino colorato sopra un letto che rifiutavamo potesse essere suo. Con lo stesso pennarello su altri cartoncini a fiorellini c’è scritto “Isolamento”, stanno fuori dalle stanze. Mi sposto per far passare una carrozzina, non riesco a guardare il bimbo, attaccato ai tubicini della chemioterapia. Cerco di nasconderlo anche a Simone, che ha poco più di un anno e da qualche giorno un rene in meno. Ora deve fare sei mesi di chemioterapia, ci dice l’oncologo. Gli chiediamo se perderà i capelli, è una domanda stupida, e lui risponde sì. Un’assistente sociale ci spiega dov’è la lavatrice, la cucina, la sala giochi, il terrazzo e la tartaruga, a cui si prega di dare solo lattuga fresca. Voglio andare a casa, ho paura. È difficile accettare che il 7° piano diventerà il nostro secondo domicilio. Ora viene l’infermiera, attacca Simone alla sua prima chemio, lui mangia una banana e mi sorride. Sopporta bene le cure, anche quando il tumore tornerà dopo un anno a un polmone, e ancora sarà operato, e ancora chemio.
Sono passati alcuni anni da quel giovedì, ho fatto amicizia con la tartaruga, ho imparato a guardare i bimbi, a vivere al 7° piano e a capire le difficoltà, le frustrazioni dei giovani oncologi-ricercatori, che hanno scelto di occuparsi di bambini pur sapendo di non beneficiare di sovvenzioni istituzionali per i loro studi. I tumori infantili sono classificati “tumori rari”, e anche le case farmaceutiche non hanno interesse a investire in medicinali per pochi pazienti. Ma i “piccoli numeri” esistono e sembrano grandi quando riempiono silenziosamente un piano d’ospedale dove vivono, studiano, giocano. Con i loro genitori che devono trovare alloggio a Milano, lasciare altri figli a casa, chiedere permessi al lavoro per seguire cure con tempistiche imprevedibili che possono durare mesi o anni.” (Silvia Tedesco, Presidente Associazione 7° Piano)
L’Associazione Onlus 7°  Piano è nata per aiutare a rendere nota questa realtà, che non ha altro modo di progredire se non per iniziativa privata. Per la ricerca sui tumori dei bambini IBAN IT62 003359 01600 100000119853

Dal 2008 a oggi l’AIGG ha erogato 118.100 euro, un risultato importante, raggiunto grazie ai giornalisti dell’A.I.G.G., ma in particolare a tutti i circoli italiani che hanno ospitato le gare dell’Associazione in questi anni.

News