Vittoria a sorpresa dello statunitense Paul Peterson e buon piazzamento di Renato Paratore nel D+D REAL Czech Masters (European Tour) disputato sul percorso dell’Albatross Golf Resort (par 72) a Praga, nella Repubblica Ceca. L’italiano ha ottenuto il 27° posto con 284 colpi (70 73 71 70, -4), mentre il vincitore, che ha sovvertito i pronostici della vigilia, si è imposto con 273 colpi (72 70 64 67, -15). Nell’ultimo giro Peterson ha sorpassato il belga Thomas Pieters (274, -14), leader dopo tre giri, campione uscente e quarto nella gara olimpica a Rio 2016. In campo, reduce dai Giochi, anche Nino Bertasio che si è classificato 35° con 285 colpi (72 71 69 73, -3), perdendo qualche posizione nel finale. Posizione guadagnate invece per Edoardo Molinari (ben 25) che ha comunque chiuso con un deludente 51° posto, frutto di 287 colpi (70 73 75 69, -1). Più indietro in classifica Nicolò Ravano, 68° con 289 (73 72 73 71, +1).

Alle spalle dei due protagonisti della gara si sono classificati gli inglesi David Howell e Ryan Evans, terzi con 277 (-11), e Matthew Fitzpatrick, quinto con 278 (-10). Sesto con 279 (-9) l’americano David Lipsky.

Paul Peterson, 28 anni, è riuscito ad imporsi nella 23ª gara nel circuito con un 67 (-5) frutto di sette birdie e di due bogey. L’ultimo alla buca 18 con il quale è riuscito a contenere il tentativo in extremis di Thomas Pieters, che ha messo a segno sullo stesso green il terzo birdie  della giornata contro un bogey per il 70 (-2).

Anche per Renato Paratore (nella foto) 70 colpi con un eagle, tre birdie e tre bogey, per Nino Bertasio 73 (+1) con tre birdie e quattro bogey, per Edoardo Molinari 69 (-3) con un eagle, cinque birdie, due bogey e un doppio bogey e per Nicolò Ravano 71 (-1) con tre birdie e due bogey. Sono usciti al taglio Matteo Delpodio (75 73), Marco Crespi (76 72), Andrea Perrino (74 74) e Francesco Laporta (79 69), 102.i con 148 (+4).

A Peterson è andato un assegno di 166.660 euro su un montepremi di un milione di euro.

I RISULTATI

News