Dopo otto anni, l’irlandese Padraig Harrington è tornato al successo nell’European Tour vincendo con 261 colpi (66 63 67 65, -23) il Portugal Masters al Victoria Clube de Golfe (par 71) di Vilamoura in Portogallo. Per gli italiani posizioni di bassa classifica:  Nino Bertasio ha chiuso al 61° posto con 275 colpi (69 68 68 70, -9), Renato Paratore addirittura 73° con 280 (67 71 67 75, -4).
Harrington ha superato di misura l’inglese Andy Sullivan (262, -22), nel team europeo di Ryder Cup in Minnesota. Al terzo posto con 263 (-21) il danese Anders Hansen e il finlandese Mikko Korhonen, entrambi in vetta dopo tre giri, al quinto con 264 (-20) gli inglesi Robert Rock e Chris Paisley, lo scozzese Paul Lawrie e lo statunitense David Lipsky. E’ risalito dalle retrovie con un 65 (-6) il belga Thomas Pieters 31° con 271 (-13), quarto alle Olimpiadi e componente anch’egli della squadra continentale di Ryder Cup, e hanno concluso in 37ª posizione con 272 (-12) il sudafricano Thomas Aiken e lo svedese Alex Noren, che si era imposto domenica scorsa nel British Masters.
Padraig Harrington (nella foto di Getty Images), 45enne di Dublino, ha portato a 15 i titoli nel circuito, comprensivi di tre major, ma nel suo palmares figurano anche un successo nel Japan Tour e quattro nell’Asian Tour. Negli ultimi otto anni è rimasto a secco nell’European Tour ma ha colto due vittorie nell’Asian Tour (Iskandar Johor Open, 2010, e Indonesia Open 2014) e nel PGA Tour (Honda Classic, 2015). Ha rimontato dal terzo posto con un 65 vincente fatto di sei birdie senza bogey e stesso score per Andy Sullivan, anche in questo caso con sei birdie e senza errori.
Per quanto riguarda gli altri italiani in gara, sono usciti al taglio Francesco Laporta, 78° con 139 (-3), Matteo Manassero, 84° con 140 (-2), ed Edoardo Molinari, 116° con 146 (+4). Harrington è stato gratificato con 333.330 euro su un montepremi di due milioni di euro.

I RISULTATI

News