L’australiano Adam Scott (nella foto) ha attaccato e si è portato al comando con 134 colpi (68 66, -10) nel secondo giro del WGC Cadillac Championship – al quale non partecipano giocatori italiani – il primo dei quattro tornei annuali del World Golf Championships, il mini circuito le cui gare sono inserite in tutti i più importanti tour, in svolgimento sul percorso del Trump National Doral (par 72), a Miami in Florida. Hanno reagito decisamente e sono alle spalle di Scott con 136 (-8)  il nordirlandese Rory McIlroy, numero tre mondiale, e Dustin Johnson, campione uscente, e in una classifica che si è decisamente allungata seguono l’inglese Danny Willett, quarto con 137 (-7), Bubba Watson e Charley Hoffman, quinti con 138 (-6), Phil Mickelson, scivolato dalla terza piazza, e l’inglese Paul Casey, salito dalla 16ª, settimi con 139 (-5).

Ritardi forse ancora recuperabili per il sudafricano Charl Schwartzel, nono con 140 (-4), per Rickie Fowler e Jordan Spieth, leader mondiale, 12.i con 141 (-3), e per lo svedese Henrik Stenson, 21° con 142 (-2). Debbono invece pensare a obiettivi diversi dal titolo Zach Johnson, il sudafricano Louis Oosthuizen e lo spagnolo Sergio Garcia, 29.i con 144 (par), il nordirlandese Graeme McDowell, 37° con 145 (+1). l’australiano Jason Day, numero due del world ranking, 41° con 146 (+2), il tedesco Martin Kaymer, 48° con 147 (+3), Matt Kuchar e l’inglese Justin Rose, 52.i con 148 (+4).
Adam Scott, reduce dal successo nell’Honda Classic della scorsa settimana, ha girato in 66 (-6) colpi con otto birdie e due bogey, ma hanno fatto meglio Rory McIlroy con otto birdie e un bogey per il 65 (-7) e Dustin Johnson, anch’egli autore di otto birdie, ma senza bogey per il 64 (-8). Il montepremi è di ben 9.500.000 dollari con prima moneta di 1.620.000 dollari.
Il torneo su Sky – Il WGC Cadillac Championship va in onda in diretta, in esclusiva e in alta definizione su Sky con collegamenti ai seguenti orari: sabato 5 marzo, dalle ore 18 alle ore 24 (Sky Sport 2 HD); domenica 6, dalle ore 18 alle ore 24 (Sky Sport 3 HD). Commento di Silvio Grappasonni, Nicola Pomponi e di Roberto Zappa
News