Nel primo giro del Resorts World Manila Masters (Asian Tour), sul percorso del Southwoods G&CC a Manila, nelle Filippine, Alessandro Tadini ha girato in 68 colpi (-4 con cinque birdie e un bogey) e occupa la 26a posizione in classifica generale. Al comando, con 64 colpi  (-8), un quintetto composto dall’indiano Jyoti Randhawa, dallo statunitense Johannes Veerman, da Wen-tang Lin di Taiwan e dai thailandesi Rattanon Wannasrichan e Danthai Boonma, quest’ultimo “bronzo” nel 2014 alle Olimpiadi giovanili vinte da Renato Paratore.
Tra i cinque che inseguono con 65 (-7) si trovano l’australiano Adam Groom e l’inglese Steve Lewton e ha avuto parecchio seguito Frankie Minoza, leggenda filippina, 18° con 67 (-5). Sono alla pari con Tadini gli indiani Jeev Milkha Singh e S.S.P. Chawrasia, Siddikur Rahman del Bangladesh e il thailandese Prom Meesawat, e hanno un colpo in più l’indiano  Gaganjeet Bhullar, vincitore a settembre in Corea, il filippino Antonio Lascuna e lo spagnolo Carlos Pigem, a segno recentemente in Cina, 39.i con 69 (-3). Ritardo già pesante per il thailandese Natipong Srithong, campione uscente, 70° con 71 (-1).
Il montepremi è di un milione di dollari.

I RISULTATI

News